Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 18/02/2015 14:26:00
Dal Tavolo permanente "Notti in Sicurezza"
Il progetto "Safe Driver"
Il guidatore designato

Il problema alcol e guida (drinking and driving) è considerato un problema strategico da parte delle autorità di tutti gli stati europei (40.000 morti nei 15 paesi UE). E’ ormai riconosciuto che tra i fattori umani, l’uso di alcol è certamente quello più rilevante sia in termini di rischio relativo che in termini di rischio attribuibile, data la grande diffusione dell’uso di alcol tra la popolazione.
Attualmente in Italia (2014) si registrano ogni anno per incidenti stradali circa 4000 morti, 20.000 invalidi gravi, 145.000 ricoveri e si stima circa 1 milione di accessi al Pronto Soccorso, con costi stimati in oltre 20-30 miliardi di euro. Molti studi epidemiologici rilevano che la quota di incidenti stradali gravi e mortali attribuibili all’alcol è attorno al 50% un quinto di tutti i ricoveri urgenti sono alcol-correlati
dal 10 al 30% degli incidenti gravi e mortali in ambito lavorativo sono alcolcorrelati di essi il 50% capitano alla guida di mezzi di trasporto
dal 20 al 50% degli accessi al Pronto Soccorso per incidente stradale o lavorativo è correlato all’uso di alcol
il 70% dei maschi e il 30% delle femmine giovani affermano di aver bevuto prima di mettersi alla guida
l’alcol alla guida è, in Italia e in Europa la prima causa di morte dei giovani di età compresa tra i 16 e i 25 anni
dal 15 al 20% dei giovani afferma di aver guidato e bevuto molto e il grado di consapevolezza del rischio è molto basso
si stima che almeno il 30% dei fermi per controlli dell’alcolemia sia positivo e con valori al di sopra della norma
si stima che attorno al 10% delle persone fermate in stato d’ebbrezza presentano alcolemie >150 mg/ml e quindi una condizione di rischio molto elevato e spesso associata ad uno stato di dipendenza dall’alcol
l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha stimato la perdita economica derivante dalla mortalità e dalla morbosità secondaria ai soli incidenti stradali tra il 2 e il 4% del PIL. L’azione quindi sull’uso di alcol durante la guida diventa indispensabile per raggiungere il risultato suggerito dall’OMS di ridurre del 40% il numero degli incidenti stradali.
Il consumo di alcol è uno dei maggiori fattori che influenzano sia il rischio di incidenti stradali sia la gravità delle loro conseguenze. Gli incidenti alcol-correlati spesso avvengono di notte e generalmente nei fine settimana. In Italia il numero e la gravità degli incidenti stradali aumentano notevolmente durante la notte o nei weekend. Inoltre, questi incidenti coinvolgono frequentemente giovani, fascia di popolazione che frequenta maggiormente i locali notturni.

Una strategia globale
E’ evidente, la necessità di adottare strategie non più limitate all’esame di un singolo o particolare provvedimento, v. diminuzione dei livelli di alcolemia, ma azioni di più ampio respiro. Le strategie vincenti sono quelle che comprendono più livelli di intervento e che contribuiscono in modo attivo all’impatto sociale e sanitario all’incidentalità stradale. La guida è da considerarsi un contesto “alcohol free”, al pari della gravidanza, lavoro, giovane età.
Quindi le campagne devono avere come slogan : “non bere quando guidi “, “ se guidi alcolemia zero”, “ bere o guidare”.

Un’azione di prevenzione: il Safe driver

La figura del “guidatore designato”, Safe driver, nasce e si diffonde nei paesi anglosassoni e del Nord Europa: si tratta di un individuo che in occasioni sociali decide di astenersi dall’alcol per condurre a casa in sicurezza i suoi amici. E’ un’alternativa sicura alla guida in stato di ebbrezza.
Per incoraggiare questa pratica sono messe in atto differenti misure: dalle campagne di sensibilizzazione indirizzate a tutta la popolazione, a diversi tipi di incentivi (bevande analcoliche, snack o entrata gratuita) che alcuni proprietari di locali decidono di offrire a chi si candida a guidatore designato.

L’intervento del Safe Driver mira a prevenire gli incidenti stradali alcolcorrelati nei locali e discoteche della provincia di Bergamo. L’obiettivo specifico è quello di diminuire il numero di guidatori che lascia il locale con alcolemia al di sopra di zero. L’intervento è indirizzato ai frequentatori dei locali notturni che guidano. E’ preposto un incentivo, come l’ingresso gratuito o bevanda analcolica gratuita, utilizzabile entro un mese nello stesso locale in cui aveva avuto luogo l’intervento. Sono stati individuati, in questa prima fase del progetto, 7 locali di cui 6 locali nel comune di Bergamo e una discoteca della provincia di Bergamo.
Lo Staff sarà costituito da operatori volontari/giovani (circa n.30) formati, dotati di conoscenze specifiche sul tema di alcol e guida, affiancati da operatori del Dipartimento delle Dipendenze e da operatori della Cooperativa Itaca.
Qualora l’alcolemia del guidatore risultasse ZERO, verrà consegnato un buono valido per l’ingresso gratuito nello stesso locale (discoteca) o consumazione analcolica gratuita (pub), altrimenti si consiglierà di non mettersi alla guida e si discuteranno/presenteranno le strategie alternative alla guida in stato di ebbrezza ( far guidare un amico sobrio, prendere un taxi o un bus, attendere fino a che l’alcolemia non fosse scesa…). Verranno consegnati opuscoli informativi, gadget ed etilometri alle persone che accedo al locale .

Gruppo di lavoro : Andrea Noventa, Giuseppina Bonalumi, Elisa Borsa, Silvana Domenghini, Elena Ferrarello, Giorgio Ferrari, Monica Leoni, Lucrezia Martino, Viviana Pandolfi, Eridania Peci, Roberto Peroni, Mirella Pontiggia, Filippo Quiri, Roberta Ravelli, Claudia Remuzzi, Manuel Ripepi, Mauro Romagnoli, Tonino Vecchi
Gestori Locali : Francesco Pappi, Giorgio Mentisci, Lorenzo Ingignoli, Graziano Pelucchi, Pietro Licini, Pina Carta, Silvia Mazzoni, Tonino Vecchi
Grafico : Benedetto Zonca

ENTI E ASSOCIAZIONI
ASL di Bergamo
Polizia Stradale - Bergamo Ministero degli Interni
Croce Rossa Italiana
Cooperativa Itaca
Associazione Atena – Bergamo
Rotary Club Centenario Dalmine
Rotaract Club Città Alta Bergamo
Discoteca “Bolgia

LOCALI
THE TUCANS PUB
SANT’ORSOLAPUB
SPAZIO GIOVANI EDONE’
CAFE’ DE LA PAIX- BAR DEL POLARESCO
BAR BORSA
DOMA
DISCOTECA BOLGIA

Il progetto ha avuto inizio, dopo la presentazione alla conferenza precedente, lo scorso 31 ottobre nella notte di Halloween, presso la Discoteca Bolgia a cui sono seguiti gli interventi nei diversi locali nei fine settimana successivi.

 

Dott. Andrea Noventa - Referente Area Prevenzione SERT 1 ASL Bergamo

 

News - gli sviluppi

Visto il notevole successo, quest'anno altri 6 gestori di locali bergamaschi aderiranno all'iniziativa. A comprova del crescente entusiasmo, nello spazio Polaresco, recentemente durante la serata finale dedicata alla valutazione del progetto, sono intervenuti in tantissimi, volontari, operatori e gestori, tutti entusiasti di offrire il proprio contributo per diffondere sul campo i principi di una guida in sicurezza. Ciò dimostra che la dimensione del progetto sta crescendo e, già diverse regioni italiane hanno manifestato il loro interesse nel prendere a modello l'esperienza realizzata nella bergamasca.

Anche tu sei un giovane volenteroso e vuoi far parte del gruppo? Arruolati tra i volontari! I corsi operativi, tutti offerti gratuitamente ai nuovi allievi, sono condotti dalla Dott.ssa Pontiggia, Comandante provinciale della Polizia Stradale, dal Dr. Noventa del Dipartimento delle Dipendenze di ASL Bergamo e, dall'educatrice Leoni, della Cooperativa Itaca. Per maggiori informazioni contatta il numero 035/2270391 o scrivi una email a: anoventa@asl.bergamo.it

Note: dal 2012 è stato istituito il Tavolo permanente “Notti in Sicurezza” che conta oggi sull'attiva partecipazione di: Conferenza dei Sindaci, Uffici di Piano, Amministrazioni Locali, l'Ospedale Papa Giovanni XIII, AREU 118, Comando provinciale della Polizia stradale, Associazione Polizia Locale della provincia di Bergamo; ASCOM, Confesercenti, Gestori di locali serali-notturni, Federsolidarietà- Confcooperative e per ASL Bergamo sul Dipartimento Dipendenze, Dipartimento Prevenzione, Servizio di promozione della salute e Servizio Famiglia.


 


Fonte: ASL Bergamo
Seguici su
Rss
ASL In...forma Periodico di informazione dell'Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo ora ATS Bergamo Edizione 2017 - Periodico reg. Tribunale di Bergamo iscritto n°8/2012 in data 22 Febbraio 2012 Direzione e Redazione via Gallicciolli 4 - 24121 Bergamo tel. 035/385199 - e-mail: sabrina.damasconi@ats-bg.it Editore: Mara Azzi Direttore Generale ASL Bergamo - Direttore Responsabile: Sabrina Damasconi Giornalista Ufficio Stampa e Comunicazione ASL BERGAMO
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact