Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 12/11/2014 15:14:00
Notti in Sicurezza
Divertimento notturno e sicurezza: le azioni del “Tavolo permanente NOTTI IN SICUREZZA”
il 29 ottobre scorso il lancio delle novità durante la conferenza stampa organizzata da ASL Bergamo

Il Tavolo Permanente Notti In Sicurezza nasce come esito del progetto di formazione/confronto “Notti in sicurezza: Il ruolo delle reti territoriali nella promozione di un divertimento sicuro” realizzato tra ottobre e dicembre 2012 su iniziativa della Commissione Prevenzione [1] e organizzato congiuntamente da ASL Bergamo e Provincia di Bergamo.
L’obiettivo principale dell’iniziativa consisteva nel mettere intorno ad un tavolo e far lavorare su obiettivi comuni, tutti i soggetti che a diverso titolo erano competenti sul tema: dai gestori dei locali notturni, alle realtà del privato sociale, alle Istituzioni. Questo, su un tema, quello del divertimento notturno e dei rischi ad esso collegati, che diventa oggetto di cronaca quasi esclusivamente in occasione di eventi tragici o di situazioni che si collocano nell’area della trasgressione o dell’illegalità, mentre molto meno frequente è affrontare il tema dal punto di vista della prevenzione possibile. Eppure proprio l’importanza della dimensione notturna per gli adolescenti e i giovani fa dei locali serali e notturni ambiti privilegiati di intervento preventivo, in particolare rispetto ai comportamenti a rischio e al consumo di sostanze psicoattive.
Va anche ricordato come i recenti orientamenti della prevenzione evidenzino la necessità di non pensare alla prevenzione come un’azione “privata”, che si attua a livello personale o al massimo tra due istituzioni, ma come ad un processo che mette in gioco - nella comunità locale - molteplici attori, chiamati a mettersi in rete, al fine di sviluppare e promuovere un’idea di prevenzione come accompagnamento alla ricerca di nuovi significati e nuove convivenze, a immaginare mondi diversi, a rilanciare legami sociali e a porre in atto nuove forme di costruzione del bene comune.
Questa è la proprio direzione che ha fortemente caratterizzato il metodo e la progettualità di Notti in scurezza. Per questi motivi infatti il corso ha coinvolto i referenti dei principali soggetti istituzionali e non istituzionali della rete territoriale, i quali hanno elaborato un piano operativo biennale (2013–‘14) sul tema della sicurezza nei contesti del divertimento notturno ed hanno deciso di costituirsi come tavolo permanente. [2]
Questo piano operativo prevede la realizzazione di una serie di azioni, parte delle quali in fase dal mese di novembre 2014:

Realizzazione e diffusione di un “Codice Etico” sul tema dell’alcol
E’ stato redatto un codice etico differenziato per tre diverse tipologie di contesti ad alta frequentazione giovanile:
pub, bar e locali di prima serata;
discoteche;
feste estive.
Tale codice etico riassume e sintetizza le indicazioni dei codici già in uso in alcuni Ambiti Territoriali e si pone l’obiettivo di intervenire con un’azione di tutela della salute dei giovani tesa a contrastare il fenomeno dell’abuso di alcolici, chiedendo ai gestori dei locali e agli organizzatori delle feste di adottare alcuni comportamenti virtuosi e compatibili con le loro attività commericiali.
Il codice etico verrà proposto su scala provinciale, ma, in fase iniziale, si effettuerà una valutazione dell’impatto di tale strumento in cinque Ambiti Territoriali: Isola Bergamasca, Bergamo, Romano di Lombardia, Treviglio e Seriate. Territori dove è già stata realizzata una mappatura dei locali potenzialmente coinvolgibili dall’iniziativa.

Miglioramento della mobilità pubblica nel fine settimana

E’ stata attivata una collaborazione con il “progetto TAXI” del Comune di Bergamo che prevede la l’attivazione di corse taxi a tariffa agevolata, attraverso l’offerta di buoni sconto dal valore di 8 euro, per la popolazione in età inferiore a 26 anni, negli orari serali e notturni del fine settimana.
L’iniziativa è partita il 1 novembre e si basa sulla fondamentale collaborazione dei gestori dei locali serali e notturni della città nella pubblicizzazione dell’iniziativa e nella distribuzione dei voucher..

Promozione nei locali notturni della buona pratica dell’ “Autista designato”
Dal 31 ottobre scorso presso la discoteca Bolgia è partita l’iniziativa “autista designato” che coinvolgerà nelle settimane successive anche 6 locali serali [3] della città. In questi locali un pool di volontari precedentemente formati, contatteranno i gruppi di frequentatori che raggiungono in auto i locali, per proporre loro di individuare una persona che si offra come autista astenendosi dal consumare alcolici e garantendo il rientro in condizioni di sicurezza a tutto il gruppo.
A questa iniziativa oltre ai soggetti già presenti sul Tavolo permanente hanno collaborato anche: Associazione Atena, Discoteca Bolgia, Croce Rossa Italiana, Rotaract Bergamo Città Alta, Rotary Dalmine Centenario, Cooperativa itaca.

Collaborazione con i servizi di Pronto soccorso e coinvolgimento dei locali nel sistema di Allerta Rapido
Queste due azioni, prevedono di intervenire su due livelli:
una collaborazione con i Servizi di Medicina d’Urgenza e Pronto Soccorso e il Centro Antiveleni dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII, per la messa a punto di modalità privilegiate di invio ai Ser.T. dei pazienti giovani con problematiche legate all’assunzione di alcol e stupefacenti,
l’allargamento alla rete dei locali serali notturni delle attività legate all’allerta rapido [4], in particolare per quanto riguarda la raccolta di informazioni sul fenomeno del consumo di sostanze da parte dei locali. A questo proposito si sta sperimentando, in collaborazione con i gestori dei locali, una scheda per la rilevazione nei locali notturni dei consumi di alcolici ed energy drink e di situazioni di eventuali nuove criticità legate all’uso di sostanze.


Dr. Luca Biffi - Dipartimento Dipendenze Responsabile U.O. Prevenzione e Interventi di prossimità ASL Bergamo
con la collaborazione 
del Dott. Marco Riglietta - Direttore Dipartimento delle Dipendenze ASL Bergamo

 

_______________

 

[1] formata da referenti di ASL (Dipartimento Dipendenze, Dipartimento Prevenzione, Servizio di promozione della salute, Servizio Famiglia), ConfCooperative - Federsolidarietà, Consiglio di Rappresentanza dei Sindaci, Coordinamento degli Uffici di Piano, Diocesi - Ufficio per la Pastorale dell’Età Evolutiva, Enti Gestori di servizi accreditati nelle dipendenze, Prefettura, Provincia di Bergamo - Settore Politiche Sociali, Ufficio Scolastico Provinciale.

[2] Ad oggi, il Tavolo Permanete Notti in Sicurezza è coordinato da ASL Bergamo e formato da referenti di:

  • Conferenza dei Sindaci, Uffici di Piano, Amministrazioni Locali;

  • Ospedale Papa Giovanni XIII, AREU 118;

  • Comando provinciale della Polizia stradale, Associazione Polizia Locale della provincia di Bergamo;

  • ASCOM, Confesercenti, Gestori di locali serali-notturni,

  • Federsolidarietà- Confcooperative,

  • Provincia di Bergamo

[3] The Tucans Pub, Sant’orsolapub, Spazio Giovani Edone, Cafe’ De La Paix, Bar Del Polaresco, Bar Borsa, Doma

[4] SI tratta di un sistema di allerta, di livello nazionale, finalizzato a far segnalare tempestivamente situazioni di pericolo legate alle sostanze stupefacenti in circolazione.

 

Fonte: ASL Bergamo
Seguici su
Rss
ASL In...forma Periodico di informazione dell'Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo ora ATS Bergamo Edizione 2017 - Periodico reg. Tribunale di Bergamo iscritto n°8/2012 in data 22 Febbraio 2012 Direzione e Redazione via Gallicciolli 4 - 24121 Bergamo tel. 035/385199 - e-mail: sabrina.damasconi@ats-bg.it Editore: Mara Azzi Direttore Generale ASL Bergamo - Direttore Responsabile: Sabrina Damasconi Giornalista Ufficio Stampa e Comunicazione ASL BERGAMO
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact