Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 17/09/2014 13:16:00
Un protocollo innovativo per pazienti candidabili al trapianto di fegato
Protocollo operativo per pazienti candidabili al trapianto di fegato tra Dipartimento delle Dipendenze dell’ASL di Bergamo, USC Gastroenterologia e U.S.S.D. Psichiatria di consultazione dell’Azie

I disturbi da uso di sostanze, alcol e stupefacenti, rappresentano, assieme alla infezioni da virus epatitici, una delle cause principali per la suscettibilità al danno e conseguente patologia tissutale a carico del fegato. Il ricorso al trapianto di tale organo diventa l’unica possibilità terapeutica in alcune situazioni di particolare ed estrema patologia epatica. L’esiguità di donatori d’organo comporta una necessaria selezione del paziente da sottoporre a trapianto, finalizzata ad escluderne condizioni di utilizzo delle sostanze suddette, che potrebbero inficiare il successo dell’intervento.

Dal luglio 2008 è attivo, in provincia di Bergamo, un protocollo operativo tra il Dipartimento delle Dipendenze della locale ASL e le Unità di Gastroenterologia e di Psichiatria di consultazione dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII, l’unica in provincia in grado di effettuare trapianti d’organo.

L’obiettivo del protocollo è la valutazione diagnostica e l’eventuale cura, da parte dei SERT della provincia di Bergamo, dei pazienti affetti da grave patologia epatica in attesa di trapianto con sospetto o accertato abuso/dipendenza da sostanze stupefacenti. La valutazione si estende anche ai pazienti in follow up post-trapianto.

La definizione dei compiti prevede l’invio di tutti i pazienti candidabili al trapianto da parte della U.S.C. di Gastroenterologia alla U.S.S.D. Psichiatria di consultazione, per una valutazione ed una eventuale presa in carico psicologico-psichiatrica. La U.S.S.D. Psichiatria di consultazione segnala alla U.S.C. di Gastroenterologia ed alle U.S. SERT provinciali i pazienti con accertato o sospetto utilizzo di sostanze psicoattive. Le U.S. SERT provvedono alla valutazione diagnostica multidimensionale volta ad escludere o a confermare una diagnosi correlata all’utilizzo di sostanze stupefacenti, al monitoraggio clinico dei pazienti in attesa di trapianto ed alla eventuale cura degli stessi ove sia emerso un quadro di consumo problematico, di abuso o dipendenza da sostanze.

La modalità operativa di valutazione dei pazienti candidabili al trapianto prevede: visita medica, prelievo ematico per la valutazione degli usuali parametri (in particolare la valutazione di -GT, MCV, AST. ALT, CDT), raccolta dei campioni biologici (capello ed urine) per la ricerca dell’ETG (etilglucuronide solfato) e delle principali sostanze psicoattive, misurazione della presenza di alcol nell’aria espirata. La valutazione medico-infermieristica è ulteriormente approfondita da quella psicologica e sociale.
Eventuali situazioni di patologia da utilizzo di sostanze vengono curate secondo le modalità in uso per il trattamento delle condizioni di abuso o dipendenza da stupefacenti od alcol.
Il monitoraggio periodico prevede la ripetizione periodica degli esami tossicologici ed ematici descritti ogni tre mesi. In alcuni casi si è reso necessario, per la complessità dei casi, anche il supporto sociale ed il sostegno psicologico.

A conclusione del percorso di valutazione diagnostica e periodicamente in occasione del monitoraggio clinico l’U.S. SERT redige le proprie relazioni per la U.S.C. Gastroenterologia volte a confermare o meno una eventuale diagnosi di disturbo da utilizzo di sostanze ed all’aggiornamento dei percorsi di cura e di monitoraggio dei pazienti.

Per corrispondenza:
Dott. Paolo Donadoni - tel. 035 2270374 035 2270390 fax 035 2270372 e-mail: pdonadoni@asl.bergamo.it

 

Autori: dott. Paolo Donadoni *, dott. Fabrizio Cheli *, dott. Valeria Iniziato *, dott. Nicoletta Zambetti **, dott. Ugo Calzolari **, dott. Mirella Fusini **, dott. Massimo Corti **, dott. Patrizia Drago **, dott. Marco Riglietta ***

* SERT di Bergamo

** Responsabili sedi SERT della provincia di Bergamo (Gazzaniga, Lovere, Martinengo, Treviglio, Ponte San Pietro)

*** Direttore Dipartimento delle Dipendenze ASL della provincia di Bergamo

Fonte: ASL Bergamo
Seguici su
Rss
ASL In...forma Periodico di informazione dell'Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo ora ATS Bergamo Edizione 2017 - Periodico reg. Tribunale di Bergamo iscritto n°8/2012 in data 22 Febbraio 2012 Direzione e Redazione via Gallicciolli 4 - 24121 Bergamo tel. 035/385199 - e-mail: sabrina.damasconi@ats-bg.it Editore: Mara Azzi Direttore Generale ASL Bergamo - Direttore Responsabile: Sabrina Damasconi Giornalista Ufficio Stampa e Comunicazione ASL BERGAMO
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact