Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 16/01/2014 16:20:00
Neve
Il decalogo per sciare in sicurezza
Prudenza e rispetto delle regole

E’stata recentemente pubblicata la quinta edizione del Documento “Arriva la neve….la neve….usate la testa” a cura di UNI – Ente Nazionale Italiano di Unificazione, in cui vengono dati suggerimenti e raccomandazioni
1. sul corretto comportamento dello sciatore,
2. sull’importanza di una segnaletica sulle piste da sci,
3. sull’utilizzo di adeguate attrezzature ed accessori nonché sulla loro manutenzione
4. e sulla viabilità ed infine sulla guida in sicurezza in condizioni metereologiche avverse.
Pubblichiamo una sintesi [*], focalizzando l’attenzione soprattutto sugli aspetti comportamentali degli sciatori, in questo periodo caratterizzato dal verificarsi di recenti e gravi incidenti sulle piste da sci al fine di promuovere un’attività motoria e sportiva in sicurezza , benessere e tranquillità.

La situazione geologica dell’Italia evidenzia un territorio coperto per 50% da superficie montuosa, in cui sono presenti circa:
• 2.300 impianti di risalita,
• più di 300 stazioni sciistiche di rilievo
• con 7.800 km di piste da sci alpino e 13.400 km di piste da fondo.

Secondo i dati forniti della Federazione Italiana Sport Invernali (FISI), sono oltre 3,5 milioni i praticanti che ogni anno si confrontano con le diverse discipline invernali: sci, snowboard e sci di fondo sono gli sport che riscuotono maggiore successo tra i più giovani. Purtroppo però, anche se la passione degli italiani per gli sport invernali rimane alta, non si può dire altrettanto del livello d’attenzione che gli amanti dello sci riservano alla propria sicurezza.  I dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità con la collaborazione di 24h Assistance e del Centro Addestramento Alpino della Polizia di Stato, mostrano un tasso complessivo d’incidentalità media di 2 incidenti ogni 1.000 giornate di sci. La maggior parte degli incidenti avviene in seguito a una caduta accidentale dovuta a perdita di controllo dello sci o dello snowboard (73%), mentre gli scontri con altri sciatori contano per il 14% del totale degli eventi, percentuale, questa, in leggero aumento rispetto al 10% circa che si osservava una decina di anni fa. Anche se in Italia i dati registrati sono in linea o leggermente inferiori a quelli degli altri paesi, negli ultimi anni si sono attivate opere di prevenzione che hanno permesso di raggiungere un eccellente standard di sicurezza. Sono stati varati utili strumenti legislativi in materia di sicurezza nella pratica non agonistica degli sport invernali da discesa, compreso lo snowboard e sci da fondo, sulle caratteristiche tecniche dei caschi da sci ed i princìpi fondamentali per la gestione sicura delle aree sciabili attrezzate che devono dotarsi di segnaletica.


Distribuzione degli incidenti per dinamica e attrezzo usato

______________________________________________

dinamica                               sci                        snowboard

______________________________________________

 

caduta accidentale              72%                            81%

 

scontro con persona            15%                           10%

 

scontro con ostacolo             1%                              0%

 

malore                                    4%                             2%

 

altro                                         8%                            7%

______________________________________________

 

 

Distribuzione degli incidenti per diagnosi e attrezzo usato

________________________________________________

Diagnosi                                sci                          snowboard

________________________________________________

 

contusione                             26%                             32%

 

distorsione                     32%                            14%

 

ferita                                         7%                               6%

 

frattura                                     12%                             24%

 

lussazione                                 6%                             10%

 

altro                                          17%                            15%

________________________________________________

 

 

Fonte: elaborazione ISS su dati Centro Addestramento Alpino Polizia - Stagione 2010/2011


“La predisposizione di una chiara, corretta e visibile segnaletica, informazioni sulle caratteristiche della pista ,sui pericoli e divieti, sul comportamento responsabile dello sciatore e sulla sua preparazione fisica, nonché la periodica manutenzione dell’attrezzature, l’utilizzo di un adeguato abbigliamento ed accessori ed infine l’uso obbligatorio del casco per i minori di 14 anni, sono sicuramente i primi e fondamentali strumenti di sicurezza per la prevenzione da rischi di incidenti per gli amanti dello sci”  ha sottolineato il dott. Pietro Imbrogno – Direttore dell’ Area Salute ed Ambiente del Dipartimento di Prevenzione Medica ASL Bergamo.

 

Ecco il decalogo dello sciatore (Previsto dalla Legge 363/2003 e dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti  del 20 dicembre 2005)

 

1 Rispetto per gli altri

Ogni sciatore deve comportarsi in modo da non mettere in pericolo altre persone o provocare danni.

2 Padronanza della velocità e del comportamento

Ogni sciatore deve tenere una velocità e un comportamento adeguati alla propria capacità nonché alle condizioni generali della pista, della libera visuale, del tempo e all’intensità del traffico.

3 Scelta della direzione

Lo sciatore a monte che ha la possibilità di scegliere il percorso, deve tenere una direzione che eviti il pericolo di collisione con lo sciatore a valle.

4 Sorpasso

Il sorpasso può essere effettuato (con sufficiente spazio e visibilità), tanto a monte quanto a valle, sulla destra o sulla sinistra, ma sempre ad una distanza tale da evitare intralci allo sciatore sorpassato.

5 Immissione ed incrocio

Lo sciatore che si immette su una pista o che riparte dopo una sosta, deve assicurarsi di poterlo fare senza pericolo per sé o per gli altri; negli incroci deve dare la precedenza a chi proviene da destra o secondo indicazioni.

6 Sosta

Lo sciatore deve evitare di fermarsi, se non in caso di necessità, nei passaggi obbligati o senza visibilità. La sosta deve avvenire ai bordi della pista. In caso di caduta lo sciatore deve sgomberare la pista al più presto possibile.

7 Salita

In caso di urgente necessità lo sciatore che risale la pista, o la discende a piedi, deve procedere soltanto ai bordi della stessa.

8 Rispetto della segnaletica

Tutti gli sciatori devono rispettare la segnaletica prevista per le piste da sci ed in particolare l’obbligo del casco per i minori di 14 anni.

9 Soccorso

Chiunque deve prestarsi per il soccorso in caso d’incidente.

10 Identificazione

Chiunque sia coinvolto in un incidente o ne è testimone è tenuto a dare le proprie generalità.

 

 

 

 
[*] Fonte: da “Arriva la neve….usate la testa” a cura di UNI – Ente Nazionale Italiano di Unificazione Quinta edizione - Dicembre 2012 Membro italiano ISO e CEN www.uni.com  - www.youtube.com/normeUNI www.twitter.com/normeUNI

 

dott. Pietro Imbrogno – Direttore dell’ Area Salute ed Ambiente del Dipartimento di Prevenzione Medica ASL Bergamo

 

Fonte: ASL Bergamo
Seguici su
Rss
ASL In...forma Periodico di informazione dell'Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo ora ATS Bergamo Edizione 2017 - Periodico reg. Tribunale di Bergamo iscritto n°8/2012 in data 22 Febbraio 2012 Direzione e Redazione via Gallicciolli 4 - 24121 Bergamo tel. 035/385199 - e-mail: sabrina.damasconi@ats-bg.it Editore: Mara Azzi Direttore Generale ASL Bergamo - Direttore Responsabile: Sabrina Damasconi Giornalista Ufficio Stampa e Comunicazione ASL BERGAMO
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact