Tag Titolo Abstract Articolo
Pubblicato: 16/01/2014 16:04:00
Dal Ministero della Salute
Proteggersi dal freddo
Il decalogo

Temperature rigide, venti gelidi ed inverni caratterizzati da ondate di freddo particolarmente intenso possono provocare problemi, anche molto seri, alla salute. Dall’incremento e rapida diffusione di sindromi influenzali, le intemperie possono anche portare all’aggravamento dei sintomi di malattie croniche, soprattutto dell’apparato respiratorio, cardiovascolare e muscolo scheletrico. Nei casi più estremi degenerando in ipotermia ed assideramento. Proprio per questi motivi, il Ministero della Salute ha preparato un utile guida pratica con un ricco decalogo di semplici regole da adottare per fronteggiare le conseguenze che le basse temperature potrebbero provocare, compromettendo il nostro stato di salute.
Naturalmente per alcuni, soprattutto anziani e bambini, i mesi freddi rappresentano una vera e propria sfida alla propria salvaguardia psico-fisica.
Per proteggersi è bene osservare queste dieci facili regole antifreddo:
1. Regolate la temperatura degli ambienti interni verificando che la stessa sia conforme agli standard consigliati e curate l’umidificazione degli ambienti di casa, riempiendo le apposite vaschette dei radiatori: una casa troppo fredda e un’aria troppo secca possono costituire un’insidia per la salute. Può essere opportuno provvedere all’isolamento di porte e finestre, riducendo gli spifferi con appositi nastri o altro materiale isolante;
2. Abbiate cura di aerare correttamente i locali: l’intossicazione da monossido di carbonio è assai frequente e può avere conseguenze mortali;
3. Se usate stufe elettriche o altre fonti di calore (come la borsa di acqua calda) evitate il contatto ravvicinato con le mani o altre parti del corpo;
4. Prestate particolare attenzione ai bambini molto piccoli e alle persone anziane non autosufficienti, controllando anche la loro temperatura corporea;
5. Mantenete contatti frequenti con anziani che vivono soli (familiari, amici o vicini di casa) e verificate che dispongano di sufficienti riserve di cibo e medicinali. Segnalate ai servizi sociali la presenza di senzatetto, in condizioni di difficoltà;
6. Assumete pasti e bevande calde (almeno 1 litro e ½ di liquidi), evitate gli alcolici perché non aiutano contro il freddo, al contrario, favoriscono la dispersione del calore prodotto dal corpo;
7. Uscite nelle ore meno fredde della giornata: evitate, se possibile, la mattina presto e la sera soprattutto se si soffre di malattie cardiovascolari o respiratorie;
8. Indossate vestiti idonei: sciarpa, guanti, cappello, ed un caldo soprabito, sono ottimi ausili contro il freddo;
9. Proteggetevi dagli sbalzi di temperatura quando passate da un ambiente caldo ad uno freddo e viceversa;
10. Se viaggiate in automobile non dimenticate di portare con voi coperte e bevande calde.
Attenzione anche l’alimentazione che dovrebbe prediligere fonti di vitamine e sali minerali come pasti a base di frutta e verdura, bevande calde come infusi, tisane, tè o profumate spremute d’arancia, assumendo almeno 2 litri di liquidi al giorno per agevolare il nostro organismo nel compito di tutela, creando contemporaneamente una naturale “riserva energetica” e di calore pronta all’uso in caso di emergenze metaboliche del nostro organismo.

dott.ssa Sabrina Damasconi

Fonte: ASL Bergamo
Seguici su
Rss
ASL In...forma Periodico di informazione dell'Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bergamo ora ATS Bergamo Edizione 2017 - Periodico reg. Tribunale di Bergamo iscritto n°8/2012 in data 22 Febbraio 2012 Direzione e Redazione via Gallicciolli 4 - 24121 Bergamo tel. 035/385199 - e-mail: sabrina.damasconi@ats-bg.it Editore: Mara Azzi Direttore Generale ASL Bergamo - Direttore Responsabile: Sabrina Damasconi Giornalista Ufficio Stampa e Comunicazione ASL BERGAMO
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact